Divorzio e separazione

In materia di divorzio o separazione è opportuna una consulenza giuridica per ottenere preziose indicazioni in merito alle condizioni per divorziare, ai propri diritti e doveri, alle modalità con cui si svolge la procedura, al contenuto della convenzione di divorzio, e così via.

È importante sapere che per divorziare (ma non solo per divorziare) non vi è l’obbligo di farsi assistere da un avvocato. È quindi assolutamente possibile (e comune nella pratica) divorziare senza il patrocinio di un avvocato. Nel rispetto delle condizioni materiali del divorzio, è sufficiente allestire e inoltrare l’istanza/petizione di divorzio in proprio nome e presentarsi successivamente in Pretura una volta convocati dal Giudice.
 
Nel rispetto delle condizioni materiali, è possibile iniziare una procedura di divorzio sia unilateralmente, su iniziativa di uno dei coniugi, oppure su iniziativa congiunta dei coniugi, mediante richiesta comune.

In ogni caso, anche nell'ipotesi di  divorzio su richiesta comune, è consigliabile avvalersi di una consulenza giuridica per definire l’istanza di divorzio e la relativa convenzione da sottoporre al Giudice, così come per ottenere chiarimenti in merito allo svolgimento della procedura giudiziale. Il tutto a costi inferiori rispetto a quelli in cui si incorrerebbe ricorrendo al patrocinio di un avvocato.
 
Il divorzio consensuale (o meglio, su richiesta comune) è possibile sia nella forma “con accordo completo” (vale a dire con accordo su tutti gli aspetti del divorzio), sia nella forma “con accordo parziale”. In questa seconda ipotesi, si demanda al Giudice il compito di decidere in merito agli aspetti accessori per i quali vi è disaccordo, potendo ciascun coniuge far valere le proprie argomentazioni davanti al Giudice.
 
Qualora desideriate ottenere l’allestimento integrale dell’istanza e della convenzione di divorzio/separazione, sarà opportuno fissare un incontro per definire tutti gli aspetti da regolare (eventuali contributi alimentari, custodia dei figli, abitazione coniugale, liquidazione del regime matrimoniale, previdenza professionale, imposte, ecc.) così come la documentazione che andrà necessariamente allegata;
 
Una volta inoltrata l’istanza di divorzio in Pretura, il Giudice vi convocherà in udienza. Il medesimo verificherà se la vostra decisione di divorziare è frutto di una scelta libera presa dopo maturata riflessione e se la convenzione è omologabile.

Consulenza legale gratuita

Ultime notizie

Vediamo il seguente caso. tizio è venuto a sapere da un collega che il suo nuovo capo s...
Mario (nome di fantasia) ha acquistato un prodotto su un sito di shop online. il prodotto gli &eg...
La legge federale sull'esecuzione e sul fallimento (lef) offre alle persone che si trovano in...
Base legale? l’istituto del testamento olografo è previsto dall’art. 505 cc...
Sentenza 6b_1183/2014 del 27 ottobre 2015 del tribunale federale. nella sentenza 6b_1183/2014 ...
Locazione: rumori e immissioni moleste da parte del vicino. cosa fare?   situazione: si &e...
Per cessazione dell'attività si vende una sagl inattiva e priva di debiti. prezzo molt...
L’ipoteca legale degli artigiani e imprenditori che cos’è l’ipoteca...
Disturbi psicosomatici e somatoformi dolorosi – rendita d’invalidità – c...
Regole di contenzioso in materia di assicurazioni sociali   il sistema di sicurezza social...